Migliori Tastiere Musicali Economiche per Principianti

Migliori Tastiere Musicali Economiche per Principianti

Ultimo Aggiornamento in data

Se state cercando le migliori tastiere musicali economiche per principianti siete nel posto giusto.

La tastiera è uno degli strumenti più richiesti dai bambini, i quali si approcciano alla musica proprio grazie al contatto con i tasti.

Avere la percezione che premendo un tasto venga emesso un suono diverso ogni volta è qualcosa che attira e catalizza l’attenzione del fanciullo.

Ecco perché è importante distinguere tra un prodotto che altro non è che un gioco e un altro che invece svolge un ruolo leggermente diverso, un po’ più evoluto e orientato a dare maggior completezza, pur restando in ambito economico.

Tastiera-per-Principianti

Migliori Tastiere Economiche – I consigli di Cassesenzafili.com

Il prodotto a nostro avviso migliore tra quelli presentati in seguito è senza dubbio la tastiera economica per principianti Yamaha Keyboard PSR E363, non solo per la grande varietà di suoni e delle ritmiche, ma per il fatto che a livello generale si presenta bello esteticamente, vanta un suono accettabile e discretamente campionato e offre molto in termini di funzionalità.

Una valida alternativa che si colloca subito sotto è la tastiera Casio CTK-3500, che si presenta con buoni numeri e con diverse possibilità di personalizzazione sonora.

Chi invece decide di acquistare la tastiera per apprendere i primi rudimenti della musica, il modello Yamaha EZ-220 è quello più indicato grazie all’illuminazione dei tasti dovuta all’intelligente metodo di studio inserito.

Recensioni Top Tastiere Musicali Economiche per Iniziare a Suonare

1) Casio CTK-3500

Casio CTK-3500

Parlando di tastiere economiche per principianti, Casio è sicuramente un brand leader di settore.

Il modello CTK-3500 è dotato di 61 tasti con una risposta dinamica su doppio livello (ma non si tratta di tasti pesati), in modo da poter dare più espressione alla musica e alle melodie.

I registri timbrici presenti sono ben 400, oltre a 100 diversi ritmi e a 50 pattern pre impostati pensati principalmente per suonare melodie di musica dance.

La parte elettronica lascia spazio a controlli interessanti in grado di valorizzare il suono e la componente ritmica.

Merito anche degli effetti base disponibili, come il riverbero e la ricreazione virtuale di sale da concerto.

La polifonia arriva a 48 note, ciò significa che è possibile udire contemporaneamente il suono di 48 tasti.

Il controllo è presente nella parte superiore, centralmente, in modo che con le mani è possibile regolare i volumi e impostare i registri, il tutto visibile su un display che non delude.

Vi è anche una parte di accompagnamento ritmico che non consiste sono nella batteria, ma di una simulazione di un buon arrangiamento.

Utile la funzione transpose per modificare la tonalità del brano, trasportandolo di semitono in semitono.

La connettività è garantita con un ingresso aux-in, da un’uscita per cuffia, da una presa USB e MIDI. Per dare più espressione al suono è possibile avvalersi del pedale.

Lo strumento incorpora 2 speaker da 2 Watt dal diametro poco inferiore a 4 pollici e può essere alimentato direttamente dalla corrente elettrica oppure dalle batterie da inserire.

L’audio però non è certo il punto di forza del sistema, a meno di non utilizzare le cuffie da ascolto oppure un altoparlante esterno.

Le dimensioni di 946 x 307 x 92 mm e il peso di poco inferiore a 3,5 Kg, semplificano il trasporto e la collocazione in posti diversi.

Il prezzo non è eccessivo, a fronte di un prodotto che per chi desidera iniziare a suonare rappresenta una valida proposta musicale, giovane e dinamica grazie anche all’interazione dovuta alla app per smartphone.

Casio CTK-3500 - Tastiera digitale arranger polifonica 61 tasti stile pianoforte a 48 note, Nero
  • Numero di tasti: 61 / Tasti: Touch Response (2 livelli di sensibilità) / Altri controller:...
  • Preset: 400 Voci, 100 ritmi, 50 modelli di musica dance / Effetti: 10x Reverb, Hall, Effetto...
  • Ingressi audio: 1x 1/8" (aux in) / Uscite audio: 1x 1/4" (cuffie, uscita) / USB: 1x Tipo B /...
  • Ingressi pedale: 1x 1/4" (sustain / damper) / Altoparlanti incorporati: 2x 3,9", 2x 2W /...
  • Adattatore CA: AD-E95100L / Spegnimento automatico: app. 30 minuti dopo l'ultima operazione,...

Pro :

  • Prezzo
  • Numerosità dei registri
  • Ritmi dance e parte elettronica
  • Connessioni e applicazione per smartphone.

Contro :

  • Audio
  • Speaker poco potenti.

2) Yamaha PSR-F51

Yamaha PSR-F51

Quando si desidera acquistare uno strumento musicale, Yamaha è sicuramente un marchio da tenere in debita considerazione, dato che è leader di mercato.

L’obiettivo di questa tastiera per principianti è quello di rendere la vita il più semplice possibile a chi ha piacere provare l’emozione di suonare.

Semplicità e fruibilità sono probabilmente i due termini che meglio di altri potrebbero descrivere questa tastiera economica Yamaha.

Il pannello di controllo è intuitivo e molto chiaro, con una netta divisione tra la parte ritmica, caratterizzata da 114 ritmi, e la parte strumentale dotata di 120 voci differenti di strumenti.

Il metronomo è presente all’interno del sistema, il quale si avvale pure della modalità duo, divertente per suonare a tre o a quattro mani.

Questo modo permette un miglior apprendimento durante le lezioni, ma anche un’armonizzazione diversa dei brani durante la loro esecuzione.

Sempre presente (come per altro anche in moltissimi modelli) la presa per le cuffie; inoltre vi è la possibilità di collegare un amplificatore.

Gli speaker incorporati nella tastiera Yamaha PSR-F51 sono 2 da 8 centimetri ciascuno, con potenza 2.5 Watt.

Essendo una tastiera per principianti dalla costruzione molto semplificata, il suono non può certo essere eccelso, anche se nel complesso non appare troppo distorto.

In Offerta
Yamaha PSR-F51 Tastiera Portatile, 61-Tasti, Display LCD, 6 Watt
  • Semplice, facile da usare e molto divertente. Colori di tono e stili di accompagnamento...
  • 61 tasti per un totale di 120 colori suoni con preset Dual Voices, 114 basi di...
  • Connessione cuffie, Uscita 2,5 W + 2,5 W amplificatore stereo; 2 x 8 cm altoparlante; può...

Pro :

  • Prezzo
  • Marchio
  • Modalità duo
  • Semplicità di utilizzo.

Contro :

  • Mancanza presa usb
  • Connessioni
  • Display minimale e ristretto.

3) Rockjam Rj-654

Rockjam Rj-654

Tastiera musicale molto semplice e soprattutto molto economica.

Ritmi e voci sono presenti in egual numero (100), mentre solo 8 sono i brani dimostrativi inseriti con lo scopo di far capire le potenzialità dello strumento.

Niente male lo schermo, che è di tipo informativo e ben leggibile grazie ai cristalli liquidi LCD.

Su di esso appaiono gli accordi, l chiavi musicali e le note suonate, oltre ad altre informazioni.

La tastiera prevede la connessione con un’applicazione appositamente pensata per implementare lo studio della musica del principiante.

Le dimensioni sono di 85,1 x 33 x 11,9 cm, per un peso poco inferiore a 4 kg, mentre l’estetica è molto plasticosa, ma comunque robusta.

La presenza di 54 tasti full size facilita il tocco e agevola la movimentazione dello strumento.

La tastiera contiene anche un sistema di apprendimento che prevede la possibilità di suonare improvvisando sulla base dei brani demo contenuti, oppure divertirsi seguendo le indicazioni degli accordi che compaiono sullo schermo.

Gli altoparlanti sono stereo, con potenza di 5 Watt.

La zona connessioni è veramente ridotta all’osso: attacco per la corrente, ingresso microfono e uscita cuffia.

La tastiera elettronica portatile RockJam 54 con schermo LCD interattivo include alimentatore, supporto per spartiti, adesivi per note chiave e applicazioni Simply Piano (RJ654)
  • 54 tasti full-size conferiscono alla tastiera un tocco di pianoforte tradizionale
  • Compatto e portatile; può essere facilmente preso sulla strada
  • Funzionalità di registrazione e riproduzione, 8 brani demo, più modalità di insegnamento,...
  • Lo schermo LCD interattivo mostra ai principianti i tasti e gli accordi corretti da suonare
  • 30 brani gratuiti sull'app per iPad Maestro Piano Maestro Joytunes (iPod non incluso);...

Pro :

  • Prezzo
  • Semplicità d’uso
  • Applicazione per tablet
  • Schermo

Contro :

  • Connessioni
  • Suono
  • Estetica plasticosa.

4) Yamaha Keyboard PSR E363

Yamaha Keyboard PSR E363

Il peso di 4,6 kg e la sequenza di 61 tasti fanno capire che si è di fronte ad uno strumento di livello più che discreto e non solo per il nome che porta.

Uno dei punti di forza di questo modello Yamaha PSR E363 è certamente la qualità della dinamica.

I tasti sono sensibili alla velocità esecutiva e alla forza di pressione e questo agevola al musicista la possibilità di esprimersi con espressività e delicatezza, ma anche con forza e vigore, a seconda dei casi.

Il fatto che sia una tastiera Yamaha sfrutta il vantaggio della libreria interna del brand, leader nella costruzione di strumenti.

Ciò comporta la presenza di un’ottima gamma di voci strumentali e ritmiche.

Ben 574 strumenti campionati e 165 stili di accompagnamento musicale automatico.

Non solo è possibile collegare via cavo un telefonino per trasmettere la playlist dalle casse della tastiera (e quindi suonarci sopra), ma è anche utile poterci collegare un computer o una presa usb ove magari registrare le lezioni di apprendimento e gli esercizi.

Le funzioni disponibili sono molte e la pecca della mancanza del manuale in italiano (che comunque è rintracciabile in rete) si avverte.

L’alimentazione è a corrente elettrica oppure a batterie.

Il rapporto qualità prezzo di questa tastiera Yamaha è molto valido alla luce del gran numero di strumenti che è possibile scegliere (oltre 40 tipi diversi di organo).

In Offerta
Yamaha Keyboard PSR E363
  • Ingresso audio per lettori
  • Display LCD a 400 colori
  • 130 stili di accompagnamento
  • Con funzione per memorizzare idee musicali
  • Caratteristiche di apprendimento moderno

Pro :

  • Tasti dinamici
  • Numero di suoni e di ritmi di accompagnamento
  • Presa usb e schermo.

Contro :

  • Mancanza manuale in italiano
  • Mancanza del leggio.

5) Yamaha EZ-220

Yamaha EZ-220

La tastiera Yamaha EZ-220 è un prodotto molto simile al modello precedentemente descritto, ma più indicato per chi desidera imparare a suonare “da zero”.

Dotata di buone caratteristiche tecniche, ha la particolarità di includere un metodo di apprendimento semplice e intuitivo, mostrandosi come una vera e propria guida.

I tasti che si illuminano fungono infatti da traccia al giovane principiante che per le prime volte si trova davanti ad una tastiera.

Le modalità di apprendimento sono 3, tutte valide e ben studiate per avviare la pratica musicale nel più breve tempo possibile.

I tasti sono 61, tutti provvisti di sensibilità al tocco.

Le voci sono 392, suddivise tra strumenti ad arco, fiati, ottono, strumenti a tasti e moltissimi altri, compresi i ritmi di batteria e percussioni.

Intelligente la presenza di una connessione bluetooth per connettere lo smartphone o il tablet e sfruttare le potenzialità dell’applicazione dedicata.

I brani precaricati sono 100 e vi è anche lo spartito digitale per migliorare l’esecuzione.

Dello stesso numero sono anche gli stili di accompagnamento che creano variazioni sul tema.

L’ingresso pedale è presente (il pedale è opzionale), così come l’ingresso per le cuffie e per la chiavetta usb (o per il computer).

Le dimensioni sono 95 x 11 x 35 cm e i due speaker incorporati sono da 5 Watt.

Il modello in questione è pensato prevalentemente per chi desidera imparare a suonare con metodo.

Chi già conosce le tecniche di base è meglio si orienti su un prodotto differente, poiché la tastiera Yamaha EZ-220 non la potrebbe sfruttare a dovere, lasciando “dormiente” un buon 50% delle sue funzioni principali (appunto quelle di apprendimento).

In Offerta
Yamaha EZ-220, Tastiera
  • 61 tasti dinamici; 392 suoni (compatibilità GM/XG Lite), l sound effect kit. 100 stili preset;...
  • Funzioni: sistema educazionale con tasto dotato di luce guida; connessione con iPad mediante il...
  • Effetti: riverbero con 9 tipi
  • Connessioni: cuffia, USB to host, AUX pedal
  • Alimentazione: adattatore Yamaha PA-3C/PA-130/PA-130° oppure 6 batterie AA.

Pro :

  • Metodo di studio e tasti che si illuminano
  • Connessioni e applicazione per dispositivi digitali
  • Voci e stili presenti.

Contro :

  • Utilizzo limitato

6) Casio CTK-240

Casio CTK-240

Modello di tastiera Casio economico, leggero e molto semplice.

Il prodotto entry level del marchio, dotato di 49 tasti, si presenta con 100 voci, altrettanti ritmi e una cinquantina di brani pre-inseriti, con un prezzo molto economico.

Il case presenta un design molto minimal e le dimensioni sono di 99,7 x 27 x 10,8 cm (un po’ eccessive per una 49 tasti), con un peso di 2,5 Kg.

Infatti molti utenti lamentano la difficoltà di trovare una custodia adeguata al modello, dovendo quindi scegliere quelli di altri modelli compatibili.

Il suo funzionamento è a corrente (manca però incredibilmente del trasformatore nella confezione di acquisto e quindi va acquistato separatamente), oppure a batterie.

La tastiera a 49 tasti di Casio è molto apprezzata da chi studia canto poiché è possibile assimilare meglio la voce alle ottave presenti, curandone l’aspetto e lo studio in maniera più fine e puntuale.

In Offerta
Casio CTK-240 Tastiera Standard, 49 Tasti
  • 49 tasti standard, 12 note di polifonia, 100 timbri, 100 ritmi, 50 brani interni, display
  • 100 timbri, 100 ritmi, 50 brani interni,
  • display

Pro :

  • Prezzo molto Basso
  • Qualità e quantità dei Suoni

Contro :

  • Mancanza del trasformatore di corrente
  • Dimensioni
  • Utile solo per principianti a livello base.

Tastiere-economiche

Come scegliere una tastiera musicale economica per principianti?

Non è semplice scegliere tra le migliori tastiere musicali economiche per principianti perché sembrerebbero tutte uguali.

L’errore che spesso si commette in fase di scelta è pensare che dopotutto è per un ragazzino che vuole divertirsi e nulla più.

Così è solo parzialmente, perché la differenza tra un modello e l’altro è presto fatta, non solo in termini di prezzo, ma anche di funzioni.

In questa fascia di mercato, anche una sola funzione in più può giustificare una spesa lievemente maggiore.

Ecco i parametri principali su cui basare la propria scelta in merito alla miglior tastiera economica musicale per iniziare a suonare.

Controllo e gestione:

La tastiera ideale per il principiante deve essere semplice e pratica nelle sue impostazioni e nella gestione delle voci e della ritmica.

Chi si approccia allo strumento lo fa in primis verso la musica ed è su questa che il soggetto deve concentrarsi.

Non serve avere troppe funzioni e un controllo complesso che distolgono concentrazione.

In questa fase, meno tasti si premono per poter impostare una funzione e meglio è.

Praticità:

Pensando ad uno strumento che potrebbe essere portato da un luogo ad un altro (ad esempio in caso di lezioni musicali o in occasione di momenti di condivisione e di festa), meglio scegliere una tastiera non troppo pesante, che funzioni anche con le batterie e che non sia troppo ingombrante.

Per iniziare, una tastiera a 61 tasti è la soluzione ideale.

Funzioni:

Risposta tasti, transpose, pitch, metronomo.

Sono queste le caratteristiche che più di altre contano come funzioni aggiuntive.

Il metronomo aiuta ad apprendere il tempo, il transpose permette di modificare la tonalità di un brano, la risposta dei tasti (dinamicità della tastiera) è una caratteristica molto importante per il ragazzino che vuole imparare a suonare o che già sa farlo e il pitch modifica l’intonazione.

Tipologia di tasti:

Alcune tastiere hanno tasti di dimensioni ridotte, altre invece hanno misure full size.

Questi ultimi sono dimensionalmente pari ai tasti del pianoforte e sono più indicati per ragazzi e adulti, a differenza di quelli più piccoli che trovano spazio nelle tastiere destinate ai bambini.

Display: meglio grande e informativo.

Uno schermo capace di visualizzare le informazioni è importante per far capire al principiante cosa sta suonando, come e con quelli modalità.

Registri, ritmi, tempo, accordi, tonalità, tutto è bene sia visualizzato.

Display piccoli non riescono ad avere lo spazio per tutti i dati necessari.

Un display più grande e chiaro è senza dubbio un valore aggiunto allo strumento.

Voci e ritmi:

I registri strumentali e la parte ritmica appartengono ad una delle principali caratteristiche di ogni tastiera.

Versatilità, divertimento, voglia di sperimentare, sono gli aspetti primari che un principiante vorrebbe mettere in atto davanti ai tasti bianchi e neri.

Spesso ci si fa attrarre dai numeri: se un modello ha 200 voci e 100 ritmiche, allora è sicuramente migliore di una proposta alternativa con 170 voci e 80 ritmi disponibili.

Questo è il pensiero comune, che però non sempre è valido.

Meglio avere numeri inferiori ma meglio campionati piuttosto che avere più scelta ma con una qualità più bassa.

Chi è appassionato di fotografia sa bene che il numero di megapixel di una fotocamera non rappresenta certo il parametro più importante.

Nel caso delle tastiere musicali per principianti possiamo confermare che fare la corsa a chi ha più voci strumentali e ritmiche non è certo un aspetto primario sul quale decidere.

Connessioni:

Una tastiera per principianti usualmente non possiede grandi altoparlanti ed è per questo che è solitamente possibile collegare uno speaker esterno attraverso l’uscita audio.

Anche l’ingresso per la cuffia è determinante, così come da apprezzare è la possibilità di inserire una chiavetta usb per memorizzare un brano.

Volutamente non abbiamo inserito la resa audio tra i principali parametri di scelta.

Questo perché è un parametro che non crea molta differenza in questo target price e di prodotto.

Bene o male sotto l’aspetto acustico si assomigliano tutte, nel senso che nessun modello eccelle più di altri, rimanendo sempre nell’ambito di tastiere musicali economiche per principianti.

Per cogliere differenze è opportuno salire di gamma e di categoria, a fronte però di una spesa decisamente superiore.

Ovviamente è preferibile scegliere, comunque, un prodotto che più di altri offra un’esperienza di ascolto migliore, a parità di altre caratteristiche.

Domande Frequenti :

Che differenza c’è tra tastiera e pianola?

Spesso le due terminologie tendono ad essere utilizzate come sinonimi, anche se le differenze esistono.

La tastiera funziona elettronicamente e la pressione dei tasti (simili a quelli di un pianoforte) genera un suono derivante da un sintetizzatore incorporato che simula la riproduzione di suoni campionati che appaiono simili a strumenti reali, non necessariamente a tasti.

La pianola è invece uno strumento che ha una movimentazione meccanica (o elettromeccanica) dei tasti. i quali emettono suoni precedentemente programmati.

L’utilizzo del termine pianola per indicare una tastiera giocattolo da bambini, è in realtà improprio e scorretto.

Vedi Anche : Che differenza c’è tra una tastiera e un pianoforte?

Cosa significa tastiera dinamica?

Una tastiera viene definita dinamica quando la risposta dei tasti alla pressione delle dita è paragonabile a quella che si avrebbe con un normale pianoforte.

Una volta che il dito preme il tasto, questo esercita una resistenza che prevede una pressione maggiore per incrementare il suono, più debole per ottenere un’acustica più dolce.

Nelle tastiere musicali economiche per principianti difficilmente è presente questa caratteristica, tipica invece di strumenti più evoluti, professionali (o semi professionali) e sicuramente più costosi.

In gergo si dice che la tastiera ha i tasti pesati, nel senso che sono sensibili al peso della pressione, emettendo suoni più o meno forti.

Questo sistema è tipico dei pianoforti digitali e non tanto delle tastiere.

Com’è il suono di una tastiera economica per principianti?

Bisogna pensare che più il prezzo sale, più il comparto acustico è curato.

Questo è un dato di fatto.

Ciò significa che non è possibile attendersi miracoli da una tastiera economica per principianti sotto l’aspetto della resa audio.

In generale le sonorità si odono in genere un po’ troppo elettriche, finte, poco naturali. Infatti derivano tutte da un campionamento che avviene in maniera non troppo precisa.

Questo vale indipendentemente dalla marca ed è proprio una caratteristica di questo target di prodotto destinato ad una fascia economica (spesso entry level) per principianti.

All’interno di questo mercato è possibile trovare strumenti che suonano meglio di altri, ma è necessario trovare il giusto compromesso Qualità Prezzo prima di operare una scelta affrettata.

Una tastiera musicale economica per principianti è solo per chi deve imparare a suonare?

No. Chi decide di acquistare una tastiera per principianti deve valutare prima il livello del soggetto.

Pur rimanendo nella fascia economica di mercato, è possibile avere prodotti più orientati allo studio e all’apprendimento della tecnica oppure modelli che regalano qualcosa in più a chi già sa suonare.

Una tastiera musicale per principianti non deve essere pensata solamente per persone che non sanno suonare e che vogliono imparare.

Esistono prodotti in grado di dare soddisfazione anche a chi suona saltuariamente.

In questi casi è meglio propendere per una tastiera a 61 tasti full size, mentre chi ancora deve apprendere le basi della musica, capire la posizione delle mani sulla tastiera, in età molto giovane, preferisce sicuramente agire su tasti più piccoli e su un numero di ottave inferiori, per avere maggior controllo.

0/5 (0 Reviews)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.