Il subwoofer per auto è un accessorio che può regalare molte soddisfazioni a chi apprezza la musica, soprattutto se ricca di suoni profondi e cupi come ad esempio il rock oppure il rap, dove l’uso del basso viene posto in evidenza più che in altre occasioni.

L’automobile è un posto ideale per poter godere di un piacevole ascolto, il quale viene valorizzato se si dispone di un subwoofer in grado di enfatizzare i bassi, rendendoli pompanti e risonanti.

L’impianto audio della tua auto, a meno che non sia di livello premium, difficilmente presenta casse acustiche in grado di fare risaltare le basse frequenze sonore, preferendo medi e alti.

Disporre di un subwoofer, invece, ti consente di dare alla tua musica preferita una tonalità più calda, più viva, ma quali sono I migliori Subwoofer per Auto e come scegliere?

Proseguendo la lettura di questo articolo avrai modo di ricevere alcune informazioni su come poter scegliere il miglior subwoofer per auto, districandoti tra le tante offerte di un mercato che propone prodotti compatti da installare sotto il sedile e dispositivi che trovano collocazione nel baule, attivi oppure passivi.

Nei paragrafi seguenti proponiamo quelli che a nostro personale avviso risultano i migliori subwoofer per auto, dopo aver illustrato una guida alla scelta del prodotto più idoneo.

Migliori Subwoofer per Auto Top 5

ImmagineNomeSensibilitàRisposta di FrequenzaDimensioni
Pioneer TS-WX300A113 dB20 e 130 Hertz50,3 x 31,8 x 37 cm
Alpine SWT-12S4 300W92 dB28 e 200 Hertz66 x 32,4 cm
Hifonics MBP-1000.4N.DN.D39 x 29 x 37 cm
Hertz DBA 200.3N.D32-400 Hz 293 x 330 x 263 cm
JBL Car GT-Basspro 1212 dB20 e 120 Hertz 45 x 40 x 66 cm

Guida alla scelta del miglior subwoofer per auto

La scelta del miglior subwoofer per auto non è semplice dato che è necessario considerare diverse variabili che possono influenzare la decisione finale.

Ciascun prodotto, seppure in maniera simile, offre caratteristiche differenti che possono fare la differenza orientando le tue preferenze.

Devi sempre tenere in considerazione il veicolo che hai, l’impianto audio su di esso installato, la musica che più gradisci e che maggiormente ascolterai.

Scegli tra sistema attivo o passivo e stabilisci un limite di spesa.

Ora sei pronto per poter sondare il terreno, ma solo dopo aver letto quanto segue.

Subwoofer attivo o passivo:

Questa distinzione è importantissima e devi averla ben presente prima di muoverti alla ricerca del tuo prodotto ideale.

Un sub attivo prevede la presenza inclusa di un amplificatore che alimenta il woofer e rappresenta una soluzione molto in voga ultimamente più che altro per praticità, fino ad essere scelta obbligata per chi intende installare un subwoofer sotto il sedile, mentre chi ha spazio nel baule può scegliere con maggior libertà.

Un sub passivo si caratterizza, invece, per non possedere alcun amplificatore e per avere un diametro più grande della cassa, in grado quindi di donare una resa migliore in termini acustici, ma necessita di un’amplificazione a parte.

Il sistema diviene quindi complessivamente più costoso e più ingombrante, richiedendo una duplice installazione.

Un subwoofer passivo ti consente di avere maggiori possibilità di personalizzazione dell’audio, dato che lo puoi abbinare ad un amplificatore che andrai a scegliere in base a ciò che stai ricercando nell’impianto della tua auto; al contrario, in un sistema attivo, trovi già tutto predisposto con una possibilità di customizzazione minore.

Se sotto il sedile sei praticamente costretto ad installare un sub attivo, qualora dovessi decidere per un posizionamento nel baule puoi propendere anche per un sistema passivo, la cui scelta si rivela spesso vincente e migliore, compatibilmente con il budget di spesa a disposizione.

Il Prezzo:

Il prezzo è un altro fattore importante nella scelta di un subwoofer per auto, soprattutto se stai pensando ad un modello passivo da baule.

Come già scritto, questo necessita di un amplificatore il cui costo devi prendere in considerazione sommandolo al prezzo di acquisto del sub. Stabilisci un limite massimo di spesa non tanto per quest’ultimno, ma piuttosto per l’intero impianto.

In quest’ottica, scegliere un prodotto di tipo attivo ti potrebbe far risparmiare qualcosa, dandoti una resa comunque di buon livello, soprattutto per un’installazione nel bagagliaio.

Casse audio:

Se il tuo scopo è quello di intensificare la resa dei bassi, considera che la soluzione migliore ti porta a scegliere un subwoofer con il diametro dello speaker maggiore possibile.

In questo modo passa più aria e quindi avverti un suono più intenso, pieno e corposo grazie ad un sound decisamente migliore.

L’ideale, in questo senso, è optare per una soluzione passiva, che presenta un altoparlante di dimensioni mediamente superiori rispetto ad un analogo impianto attivo, poiché sfrutta anche lo spazio destinato all’amplificatore.

Dimensioni:

L’analisi degli spazi non può essere considerata come aspetto secondario, ma, al contrario, è forse la questione principale in grado di orientare la scelta del prodotto.

Se non scegli un modello sotto sedile, devi sacrificare una parte di baule e se hai un’utilitaria questo può diventare un problema.

Le misure del subwoofer divengono quindi determinanti per poter scegliere in modo che tu possa posizionare in maniera razionale l’accessorio per il tuo car audio.

Insomma, devi decidere se comprare meno prodotti quando vai a fare la spesa dando preferenza alla tua musica, oppure se preservare la capienza del tuo bagagliaio propendendo per soluzioni alternative sotto sedile oppure di dimensioni più compatte.

Potrebbe interessarti Anche : Come scegliere un Buon Autoradio

Genere musicale:

Il genere musicale che preferisci deve essere considerato, dato che un subwoofer rende diversamente a seconda del tipo di musica.

Se ascolti musica classica, probabilmente ti puoi permettere di risparmiare sull’accessorio e se proprio lo desideri, puoi acquistare un modello sotto sedile, in quanto quel genere musicale non richiede la presenza di molti bassi (come anche ad esempio la musica country, celtica e altri generi).

Diversamente, se ti piacciono le musiche da discoteca, techno, rap, rock, allora il discorso muta totalmente e se hai piacere di avvertire le vibrazioni generate dai bassi pieni e roboanti, allora un sub da baule attivo o passivo che sia, è quello che fa al caso tuo.

Potrebbe interessarti Anche :  Vivavoce per Auto  – chiamate in modo sicuro durante la Guida

I migliori subwoofer per auto

Siccome dei migliori subwoofer sotto sedile abbiamo già parlato, in questo prospetto illustreremo i sub che richiedono un’installazione nel baule, dividendoli per fascia di prezzo.

Oggigiorno la tendenza è quella di orientare la scelta su sistemi attivi più che altro per un rapporto qualità – prezzo vantaggioso e per dimensioni tendenzialmente più compatte che consentono di risparmiare spazio nel bagagliaio.

A meno di grandi berline o station wagon, le vetture del segmento B o C a due volumi accolgono più facilmente un sistema attivo, che risulta essere in pratica il più venduto.

Ora è anche giunto il momento di sfatare una leggenda metropolitana: molte persone pensano che qualità e potenza viaggino a braccetto per rendere il prodotto migliore.

Anche se l’immaginario collettivo ha in mente tale equazione, la realtà è spesso ben differente. Solitamente, soprattutto prodotti commerciali di bassa fascia, sanno attirare l’attenzione proponendo elevate potenze con lo scopo di mascherare una qualità acustica non sempre ottimale.

Prima di scegliere, devi dunque pensare bene a quali sono i tuoi scopi.

Meglio una potenza medio – bassa ma capace di restituire un suono pulito e vivo, piuttosto che avere a disposizione tanti Watt che possono creare solo vibrazioni e inutili distorsioni.

I migliori subwoofer per auto di fascia economica

Anche se non hai una vettura nuova, hai modo ugualmente di beneficiare di una musica gradevole se decidessi di implementare il tuo impianto.

Trovi sul mercato subwoofer economici di buona fattura, di marchi leader di settore che hanno deciso di proporre i loro prodotti proprio per accontentare le esigenze di chiunque.

Pioneer TS-WX300A:

Presso interessantissimo per questo prodotto che il famoso e affidabile brand specializzato nel car audio ha deciso di immettere sul mercato.

Lo speaker è da 30 cm ed è di tipo attivo, a vantaggio per coloro i quali non hanno molto spazio nel bagagliaio.

L’amplificatore incorporato è in classe D, molto efficiente e capace di incrementare la potenza fino a 1.300 Watt (nominali 300 Watt) che aggiungono alla tua musica un tono particolarmente sentito e caldo, donandoti una bella sensazione di pienezza e di corposità.

Il cono è realizzato in polipropilene iniettato, materiale e tecnologia che consentono di avere robustezza e al tempo stesso riduzione di pesi e costi, senza però perdere troppo in qualità acustiche.

Il voice coil è realizzato con un cavo in rame con quadruplo avvolgimento, la bobina è in poliammide e il magnete in ferrite.

Dall’amplificatore incorporato è possibile stabilire differenti possibilità di impostazione, facendo in modo di ottenere un settaggio capace di soddisfare le tue attese, soprattutto se sei abituato a mantenere il volume a livelli medio – alti.

La risposta in frequenza è compresa tra 20 e 130 Hertz mentre la sensibilità è pari a 113 dB.

Le dimensioni sono di 50,3 x 31,8 x 37 cm mentre il peso supera di poco i 10 kg, potete trovare ulteriori dettagli su Amazon.

Alpine SWT-12S4 300W:

Se sei un vero fan del tuning audio sulla tua macchina, ecco che questo subwoofer Alpine ti permette di contenere i prezzi ottenendo una resa ottimale, condita anche da un effetto estetico unico e accattivante derivante dal profilo tondeggiante, con in più l’affidabilità del marchio Alpine, leader di settore e sempre molto vicino alle esigenze degli audiofili.

La potenza massima è di 1.000 Watt (300 Watt RMS) e le dimensioni di questo bel prodotto sono 66 x 32,4 cm con un peso di 10 kg.

La struttura cilindrica riesce a far sembrare il subwoofer per auto Alpine SWT-12S4 di dimensioni più piccole di quelle reali e infatti ben si posiziona nel bagagliaio. Per la forma dell’oggetto, viene definito anche tubo bass reflex, il cui altoparlante misura 30 cm di diametro (12 pollici).

La costruzione è attenta e robusta, al punto che è stata prevista una griglia per proteggere le parti più esposte a eventuali colpi o urti accidentali.

La risposta in frequenza è compresa tra 28 e 200 Hertz, mentre la sensibilità misura 92 dB, con impedenza di 4 Ohm.

Essendo un cilindro, la confezione di acquisto di questo subwoofer include non solamente le staffe per l’installazione, ma anche delle cinghie per rendere più saldo il posizionamento. Il logo Alpine è impresso sia di lato sulla parte tonda, sia lungo la parete cilindrica.

Essendo un sub di tipo passivo, è opportuno abbinare un amplificatore per poter apprezzare maggiormente l’enfasi deli suoni bassi, che con questo tubo sanno regalare un effetto vibrante e robusto, dando corpo a qualunque tipo di musica.

I migliori subwoofer per auto di fascia media

La fascia media di mercato offre prodotti con costi compresi tra 150 e 300 euro.

La distinzione tra sistema attivo e passivo diviene determinante per capire cosa il mercato ti sta offrendo e avere le idee chiare su ciò che stai comprando.

E’ importante confrontare sistemi con le medesime caratteristiche per non farsi ingannare.

Il primo prodotto proposto è ad esempio un kit completo che include anche l’amplificatore, non confrontabile economicamente con un’alternativa che prevede unicamente un subwoofer oppure un sistema puramente attivo, come la seconda proposta marchiata Hertz.

Ci sono diversi prodotti di fascia media tutti proposti in kit oppure singolarmente, ma nonostante il segmento non sia affollato come quello precedente, l’attenzione in fase di scelta deve essere sempre alta, più che altro per poter soddisfare le attese.

Hifonics MBP-1000.4:

In realtà questo prodotto comprende un bundle composto da un subwoofer passivo con il suo amplificatore a parte e si distingue da molti kit presenti sul mercato che sono complessi o difficoltosi da assemblare.

Questo di Hifonics (marchio molto conosciuto in Germania) è invece semplice e ben pensato per un’installazione molto facile che non richiede troppo tempo.

Il subwoofer offre un altoparlante da 8 pollici (circa 20 cm) e ha la possibilità di arrivare fino a 600 Watt di potenza massima.

Le dimensioni di 39 x 29 x 37 cm, quindi nemmeno troppo ingombranti e il prodotto riesce a gestire 4 canali.

Il marchio non è molto conosciuto in Italia, ma per quello che offre in questa occasione vale la pena farci più di un pensiero e se sei alla ricerca di un sistema completo senza voler destinare un budget esagerato per arricchire il tuo sistema car audio, ecco che l’occasione che questo Hifonics MBP-1000.4 ti offre è davvero ghiotta, anche perché il contenuto della confezione si avvale anche dei cavi necessari per effettuare tutti i collegamenti.

Hertz DBA 200.3:

Subwoofer attivo elegante dal design trapezoidale in grado di stupire sia per l’estetica che per la resa acustica.

Sul piano inclinato, nella parte bassa, si trovano gli ingressi e le regolazioni manuali di volume, fase e frequenza attraverso l’apposita rotellina.

La resa è buona e chi ha acquistato il prodotto, leggendo le recensioni, ne è soddisfatto.

Per come è concepita la costruzione robusta di questo sub da baule per auto, ben si adatta ad ogni modello di vettura sapendo dare un tocco in più all’impianto audio pre-installato, come fosse l’anello mancante a completamento del sistema.

La potenza di 140 Watt è adeguata al prodotto e capace di soddisfare le attese, i bassi escono con un suono controllato e pulito, netto, senza ritardi o sovrapposizioni, frutto anche delle regolazioni possibili.

L’installazione è semplice e intuitiva. Questo subwoofer di Hertz strizza l’occhio più a chi predilige la qualità del suono piuttosto che l’elevata potenza.

Il prezzo, pur non essendo tra i più economici, non è nemmeno eccessivo e appare giusto per quanto il sub è in grado di offrire.

Il box (questo termine è forse quello più giusto per questo tipo di prodotto) presenta un sistema attivo di subwoofer con diametro da 20 cm (8 pollici), a cui sono stati aggiunti due radiatori di tipo passivo di uguale diametro, il tutto alimentato da un amplificatore incorporato con potenza di 140 Watt che è posto internamente nella parte posteriore.

Buona anche l’ergonomia la cui parte inclinata è realizzata appositamente per favorire il posizionamento in fondo al baule, seguendo la linea dei sedili posteriori dell’auto.

Sulla stessa parte si trova un doppio ingresso audio pre-amplificato a cui poter collegare direttamente ulteriori sorgenti, oltre ad un connettore che serve per staccare e riattaccare facilmente il sistema (utile in caso servisse spazio nel baule).

Il logo Hertz è sulla griglia pdi protezione.

Rimanendo sempre nella fascia economica di prezzo, meritano menzione due soluzioni molto interessanti, la prima griffata sempre Alpine, la seconda invece marchiata Hertz.

Il modello Alpine SBG-844BR si presenta idoneo anche per l’impiego fuori dall’auto, essendo pensato proprio per un duplice impiego, caratterizzandosi per una illuminazione blu accattivante e degna del miglior tuning audio.

Il rapporto qualità prezzo è davvero ottimale e potrebbe rappresentare un fattore di scelta versatile e razionale.

La seconda citazione la merita il subwoofer passivo Hertz DBX 30.3 che richiede un amplificatore apposito, ma che per quanto richiede come esborso economico puoi sicuramente ottenere un contesto complessivo di buon livello.

I migliori subwoofer per auto di fascia alta

Il car audio può portarti a esagerare con gli accessori e le varie implementazioni dell’impianto esistente, al punto che puoi rischiare di perdere davvero il controllo della spesa.

Per evitare questo, puoi optare per un subwoofer capace di darti ottima resa, preferendo un prodotto di fascia alta di mercato come ad esempio il modello descritto che si conferma di ottima qualità leggendo le recensioni relative a JBL.

JBL Car GT-Basspro 12:

Un modello di subwoofer per auto che si presenta sul mercato in 4 varianti differenti: attivo con amplificatore incorporato con casse da 6 o da 12 pollici, oppure passivo con speaker della medesima misura.

Chi già utilizza il prodotto apprezza la resa acustica che rende i bassi potenti, chiari e precisi nel dettaglio, senza mescolanze dei suoni. Inoltre il brand è davvero una garanzia nel settore e il rapporto qualità – prezzo è fortemente vantaggioso.

La scelta tra la variante attiva amplificata e passiva dipende esclusivamente dal gusto personale.

I canali sono ben 4 per un complessivo di 150 Watt (RMS) di potenza massima che viene sprigionata attraverso un cono realizzato in polipropilene da 6 o 12 pollici (circa 30 cm).

Nella versione priva di amplificazione sono addirittura 2 i coni.

Le dimensioni di 45 x 40 x 66 cm sono rilevanti e infatti l’installazione avviene in maniera semplice nel baule, ma nonostante i 17 kg di peso risulta semplice anche la rimozione, nel caso in cui dovesse servirti spazio.

Il crossover di cui è dotato prevede la regolazione elettronica con pendenza fissata a 12 dB per una ripartizione equilibrata e pulita del suono, che risulta soddisfacente e privo di dissonanze.

Sono molti i pareri positivi raccolti da questo subwoofer per auto JBL che risulta tra i migliori in assoluto che il mercato è in grado di proporre, rendendo avvolgente e pieno qualsiasi genere musicale. Un difetto riscontrato è la mancanza di protezione nella parte relativa agli ingressi, i quali potrebbero venire col tempo rovinati da un’eccessiva esposizione a contatti accidentali di oggetti nel baule.

Un regolatore permette di scegliere il miglior livello di potenza che più si confà alle tue esigenze, fino a giungere alle vibrazioni dei finestrini pur percependo una sonorità chiara e netta, grazie anche alla tecnologia slipstream brevettata dalla casa americana produttrice.

La risposta in frequenza è compresa tra 20 e 120 Hertz e le regolazioni sono possibili anche grazie ad un telecomando.

Conclusione

Per scegliere il miglior subwoofer da auto è importante far transitare l’analisi attraverso alcuni parametri.

Questo perchè non è possibile affermare con certezza e in senso assoluto che il prodotto A sia migliore del prodotto B, in quanto la valutazione deve essere fatta sulla resa acustica finale.

Un prodotto può rendere bene su un’auto e destare qualche perplessità se viene installato su un’altra vettura, in quanto il risultato finale dipende dall’impianto (quindi dalle casse acustiche per auto presenti) ma anche dal veicolo.

Ecco perchè è importantissimo che prima di approcciarti ad un determinato prodotto tu possa prendere in considerazione la tua musica preferita, l’auto che hai e capire come intervenire per migliorare l’acustica del tuo car hi-fi.

Se hai degli speaker di scarsa qualità, con un subwoofer potente avvertirai prevalentemente delle vibrazioni anziché la musica, ecco alcuni speakers per Auto che Consigliamo.

La massima resa la potrai ottenere se inserirai il sub all’interno di un impianto razionale e che abbia un senso: non avrebbe molta logica installare un motore da 200 cv su una piccola utilitaria, che riscontra telaio, ammortizzatori e freni non adeguati per quella potenza.

Il discorso è replicabile con il subwoofer: è inutile installare un prodotto capace di darti 1000 Watt se hai un impianto audio in macchina che risulta insufficiente. Sentiresti solo i bassi vibranti ma perderesti il senso della musica in generale.

Subwoofer attivi o passivi ti vengono incontro con soluzioni versatili e diverse tra di loro.

Se hai un budget ridotto punta maggiormente su una soluzione attiva, comprendente già l’amplificatore in grado di valorizzare i suoni, mentre se hai un po’ più di elasticità economica ecco che un sistema passivo, da arricchire con amplificatore, può rappresentare la soluzione ideale.

Uno sguardo devi destinarlo anche allo spazio a disposizione, perchè un subwoofer sotto sedile attivo occupa sicuramente meno spazio rispetto ad un’installazione nel baule, il quale sarà a tua completa disposizione per il carico.