Se hai cominciato a suonare la chitarra elettrica da un po’ di tempo, potresti passare ad uno strumento di qualità superiore rispetto ai modelli per principianti. Lo stesso vale se sei al tuo primo acquisto e hai la disponibilità per poterti permettere modelli di categoria superiore. Ma quali sono le migliori chitarre elettrica di fascia media?

Innanzitutto, potresti rivolgere le tue attenzioni ad uno dei modelli di punta della casa giapponese Ibanez: parliamo della Ibanez Talman TM302-SFG, una chitarra elettrica che si caratterizza per la presenza di un manico in acero, corpo in ontano e tastiera in palissandro, i cui tasti di grandezza medium e la presenza di un hardware cromato la rendono al contempo facile da suonare e accattivante nella resa scenica.

Per chi invece non vuole perdersi l’occasione di poter imbracciare uno strumento dalla forma storica, senza per questo dover affrontare una spesa superiore ai 400 euro, allora non si può che consigliare uno dei modelli Squier Telecaster: si tratta di un marchio Fender che assicura tutta la qualità costruttiva della casata americana, oltre che alcune caratteristiche interessanti che fanno di questi strumenti dei veri e propri gioiellini, anche rispetto a modelli dal costo nettamente superiore.

Di seguito elenchiamo altri modelli che consideriamo perfetti nella fascia di prezzo che va da 300 a 500 euro, indicando allo stesso tempo tutte le informazioni che potranno esserti utili per scegliere lo strumento che fa davvero al caso tuo.

Le Scelte di CasseSenzaFili.com – Migliori Chitarre Elettriche di Fascia Media Tabella Comparativa

ImmagineNomeCaratteristiche Suono
Ibanez Talman TM302-SFGStruttura e corpo di elevata qualitàChitarra con un pickup che permette un suono pulito e nitido
Classic Vibe Tele 50s LHEstetica meravigliosa, ispirata ai modelli vintage TelecasterIl suono è pulito, caldo anche se lievemente ferroso
Epiphone ENS-PECH1 Les Paul StandardTutta la qualità Les Paul in uno strumento decisamente economicoNote definite, bending scorrevole, perfetta adattabilità e suono caratteristico.
Gretsch G5220 ElectromaticEccellente manifattura e buona qualità delle meccanicheProduce un suono forte, ricco di sfumature

Quando considerare l’acquisto di una chitarra elettrica di fascia media?

Prima ancora di capire quali sono le migliori chitarre elettrica di fascia media, infatti, dovresti chiederti se sei arrivato al momento giusto per sostenere questa spesa.

Se hai già iniziato a suonare la chitarra da qualche tempo e ritieni che le tue doti meritino uno strumento in grado di esprimere una maggiore qualità del suono, allora dovresti davvero fare i conti con la possibilità di acquistare un modello superiore: non parliamo certo degli strumenti più blasonati (e costosi), che, se certo possono rappresentare un sogno per ogni chitarrista, non sono alla portata di tutti.

Ci riferiamo, invece, a prodotti in grado di assicurare una migliore qualità del suono, una maggior cura nei dettagli costruttivi e un design più indicato per le esibizioni in pubblico: è in questi termini che si può descrivere una chitarra elettrica di fascia media.

Già, perché se è vero che una chitarra elettrica non dovrebbe mai essere destinata esclusivamente allo studio, è anche vero che i modelli che abbiamo segnalato nel nostro articolo dedicato alle migliori chitarre elettriche per chi inizia non sono proprio indicati per un’esibizione in pubblico: chi intende suonare ad un concerto, infatti, dovrebbe puntare ad una chitarra elettrica che possa assicurare il miglior rapporto qualità/prezzo.

Il motivo? E’ essenzialmente di carattere sonoro: gli strumenti di livello più avanzato consentono maggiori prestazioni timbriche e rendono, pertanto, più soddisfacente suonare con il proprio modello.

Potrebbe Interessarti Anche il Seguente Articolo : Le Migliori App per Accordare la Chitarra con lo Smartphone

Allo stesso tempo, le migliori meccaniche e la presenza di una più performante componente elettronica si prestano ai collegamenti verso impianti di amplificazione più grandi rispetto al mero amplificatore che usi per suonare a casa: in questo caso, uno strumento di fascia media può sprigionare tutto il suo carisma e la sua potenza.

In definitiva, anche se hai già acquistato una chitarra elettrica di fascia inferiore, qualora il tuo livello di preparazione o le tue esigenze espressive lo richiedano, è decisamente il caso di considerare il passaggio ad un modello di fascia media, che può assicurarti non soltanto sonorità più coinvolgenti e piene, ma anche quel certo grado di soddisfazione che deriva dall’avere tra le mani (e saper maneggiare) uno strumento bello, accattivante, tipico delle rock star più navigate.

E qui potrebbe esserci un problema: la componente economica. E’ chiaro che l’acquisto di una chitarra elettrica di fascia media implica una spesa maggiore rispetto ai modelli per chi inizia.

Tuttavia, ti basterà seguire le nostre indicazioni per poter trovare non soltanto alcuni dei modelli migliori da 300 a 500 euro, ma anche tutte le caratteristiche e le qualità che una buona chitarra elettrica dovrebbe possedere: in questo modo, anche nel caso tu scegliessi un modello diverso da quelli proposti, avrai tutte le informazioni utili per poter operare una scelta consapevole.

In tutti i casi, siamo sicuri che grazie alle nostre indicazioni troverai facilmente il modello che corrisponde alle tue esigenze!

Come scegliere una buona chitarra elettrica?

La ricerca di uno strumento di fascia media non è mai semplice: complici i negozi fisici e online, che privilegiano inevitabilmente vuoi i modelli per chi inizia, vuoi quelli al top, trovare una chitarra elettrica intermedia è veramente un’impresa.

Specialmente se ci si vuole assicurare uno strumento in grado di avere quel giusto mezzo tra prezzo non esagerato e caratteristiche soddisfacenti.

Per poter operare una scelta consapevole è davvero importante avere le idee chiare:

  1. Ho bisogno di uno strumento per principianti, un modello intermedio o da performer?
  2. Voglio privilegiare l’aspetto estetico o la qualità del sound?
  3. Vengo dal mondo della chitarra acustica o classica ed è il mio primo approccio alla chitarra elettrica?

E’ a questo genere di domande che dovresti rispondere prima di decidere di acquistare una chitarra elettrica di fascia media: il motivo è che ti avvierai verso un investimento di tutto rispetto e, prima di spendere i tuoi soldi in uno strumento non poco costoso, è il caso di capire se questo genere di soluzione rappresenta l’ideale per i tuoi obiettivi o per il tuo livello di preparazione.

Una volta stabilito che il tuo range di spesa può valere l’acquisto di uno strumento di fascia media, sorge il problema di dover trovare quello che meglio si adatta alla tue esigenze.

E qui bisogna andare cauti: infatti, i modelli, a differenza di quanto si creda, sono moltissimi e scegliere tra questi è davvero difficile.

Le variabili vanno dalle meccaniche e dalla costruzione della chitarra (tipo di legno impiegato, vernice, corpo), ma anche dalla marca e dal modello, senza dimenticare poi il tipo di amplificatore, l’accessorio davvero fondamentale per poter suonare la propria chitarra elettrica.

Anche in questo caso è inevitabile la sovrapposizione tra pareri soggettivi, esperienza personale e oggettività.

Se non sei esperto di chitarra potresti sempre farti consigliare da qualcuno che ne sa più di te; in alternativa, puoi seguire le nostre indicazioni sul punto.

In effetti, gli elementi da valutare per scegliere una perfetta chitarra elettrica di fascia media sono essenzialmente tre:

  1. Tipo di materiali impiegati per la costruzione: informati sulla consistenza dei legni utilizzati per le componenti fondamentali (corpo, manico, schiena), assicurandoti che siano impiegati acero, palissandro o mogano e non, invece, inserti in plastica che non sono certo adatti per il range di prezzo di uno strumento di fascia media.
  2. Fabbricazione: si sa che le chitarre più belle (e costose) provengono dagli Stati Uniti, come d’altra parte suggeriscono anche i marchi più prestigiosi, quali Gibson e Fender. Tuttavia, i modelli di fascia media sono essenzialmente quelli prodotti in Cina o in Messico: se ti trovi davanti ad uno di questi strumenti, non dubitare della fattura o della qualità del prodotto, dal momento che molte case produttrici disegnano strumenti di grande qualità che sono ideali per una fascia di prezzo come quella che stiamo considerando.
  3. Marca: come vedremo meglio nella nostra selezione personale delle migliori chitarre elettriche di fascia media, i modelli che meglio rispondono alle esigenze del chitarrista intermedio sono Ibanez, Squier, Epiphone, e così via. Si tratta di marchi (e, in alcuni casi, sotto-marchi) specializzati nella produzione di strumenti che, se non rappresentano certo quanto esiste di meglio in commercio, sono ideali per chi vuole raggiungere il miglior equilibrio tra qualità e prezzo.

Qui terminano le indicazioni valevoli per ogni tipo di strumento di fascia media.

A questo punto, invece, comincia la parte della ricerca relativa al proprio gusto personale: prima di acquistare uno strumento, infatti, la regola fondamentale è quello di provarlo, scoprendone le sonorità, misurando l’ampiezza del manico, confrontando la precisione dei tasti e la potenza delle meccaniche.

Tutto questo potrebbe essere più semplice se provieni dallo studio della chitarra acustica o se hai già acquistato precedentemente una chitarra elettrica di fascia bassa.

Viceversa, se si tratta del tuo primo strumento elettrico, dovrai chiederti per cosa vuoi impiegare la tua nuova chitarra: per esigenze di mero studio, per suonare in pubblico (e, in questo caso, se da solista oppure in gruppo), e così via.

Se sei Interessato agli Effetti per Chitarra consigliamo di dare un’occhiata a queste 3 Video Lezioni Gratuite sull’argomento.

Le migliori chitarre elettriche di fascia media

Se queste indicazioni non sono riuscite a risolvere i dubbi sul tipo di chitarra da acquistare, allora potresti prendere in considerazione alcune delle nostre proposte.

Abbiamo selezionato, infatti, le migliori chitarre elettriche di fascia media (da 300 a 500 euro), esponendo per ciascuna una recensione approfondita e indicando pro e contro di ogni modello: in questo modo siamo sicuri che riuscirai a trovare lo strumento ideale per il tuo livello di preparazione.

Ibanez Talman TM302-SFG

Questa chitarra elettrica prodotta dalla Ibanez si caratterizza per la presenza di un manico in acero, montato su un corpo in ontano e tastiera in palissandro, con un hardware in nickel che si accompagna perfettamente alle finiture color avorio.

Si tratta di un modello di chitarra che rievoca alcuni precedenti strumenti della medesima casa produttrice, non a caso definendo uno standard definito Classic Tone.

L’ispirazione, cioè è la stessa degli strumenti Talman degli anni ’90, passati alla storia per la produzione di un suono fresco e avvolgente, ideale per le band rock e, in generale, per le costruzioni armoniche di accompagnamento nella gran parte delle composizioni moderne.

Tra le caratteristiche principali di questo modello si segnala la presenza di un corpo centrale che offre un suono forte e pulito, con bassi profondi e alti mai troppo stridenti: la forma è ispirata allo stile Fender Jaguar e si presenta ben equilibrato sia dal punto di vista estetico che del peso.

Inoltre, la presenza del manico Talman Classic, con la sua impugnatura confortevole, rimanda all’estetica delle chitarre anni ’50 e ’60, sebbene lo smooth in legno di rosa garantisca tutte le caratteristiche di suono moderno e delle innovazioni tecniche adottate da Ibanez.

Il manico presenta un raggio di 12’’, che non comporta problemi di bending e, anzi, permette di mantenere una action bassa.

Infine, per quanto riguarda le componenti elettriche, la presenza dei blocchi di tonalità permette alle corde di mantenere al giusto posto anche durante le esibizioni più scatenate: una vera e propria chicca per uno strumento di fascia intermedia, destinato, quindi, ai chitarristi meno esperti e alla prova con i loro primi virtuosismi, anche se la qualità costruttiva di questi ultimi non li rende particolarmente resistenti.

I pickup escludono ogni forma di rumore, mentre i potenziometri del volume si trovano in una posizione perfettamente centrale.

Pro:

  • Chitarra con un pickup che permette un suono pulito e nitido
  • Componenti elettroniche ben posizionate
  • Struttura e corpo di elevata qualità, per quanto si tratti di uno strumento di fascia media.

Contro:

  • La meccanica autobloccante, pur rappresentando un vero e proprio marchio di fabbrica di questo strumento, non è realizzata con materiali di elevata resistenza.

Squier by Fender – Classic Vibe/Standard Telecaster

In questo caso parliamo di due modelli della casa Squier, che realizza versioni economiche delle famosissime chitarre Fender Telecaster.

Il Classic Vibe e lo Standard si differenziano essenzialmente per l’estetica e il prezzo, ma possono essere trattati unitariamente, dal momento che tutte le altre caratteristiche sono tipiche di questa marca.

Si tratta di una chitarra con un design riconoscibilissimo, ammirevole sotto moltissimi punti di vista, grazie ad un ponte fisso di elevata stabilità, alla suonabilità eccezionale e alla presenza di controlli molto semplici.

In particolare, la Standard Telecaster deve il suo nome alla presenza di un manico fast-action che risulta ispirato alle Telecaster degli anni ’60: la presenza del pickup single coil assicura un suono così potente da renderla la compagna perfetta per assoli stratosferici: si tratta di una meccanica cromata posizionata sul ponte, che racchiude in sé tutto il suono caldo delle Telecaster.

Per quanto riguarda la struttura, il manico è realizzato in acero e accordatura in C, mentre la tastiera a 22 tasti è costruita in palissandro.

Il corpo è realizzato in aghatis, materiale di qualità leggermente inferiore all’ontano ma ormai divenuto standard nella produzione di chitarre di fascia intermedia e che assicura il vantaggio di contenere notevolmente il peso dello strumento.

Il pickup single-coil di stampo Telecaster presenta un selettore a tre posizioni, mentre il ponte permette il passaggio delle corde attraverso il corpo.

Tra le componenti elettroniche, oltre al già citato pickup si segnala l’elevata qualità del master volume e del master tone.

La chitarra è venduta con già montato un set di corde Fender ed è disponibile in alcune varianti: con la presenza del logo Squier oro e nero, con il piatto del corpo in diversi colori e con la possibilità di aggiungere inserti in plastica nera.

Pro:Pro:

  • Tra i pregi più evidenti di questo strumento c’è sicuramente l’estetica meravigliosa, ispirata ai modelli vintage Telecaster, con un colore e una forma immortali
  • Il suono è pulito, caldo anche se lievemente ferroso: questo elemento potrà piacere molto a quanti suonano direttamente con le mani, perché assicura un’eccellente reattività dello strumento.

Contro:

  • Trattandosi di una produzione asiatica non può non essere evidente la qualità medio-bassa dei materiali impiegati, che, tutto sommato, viene però compensata dalla qualità del suono che lo strumento assicura.
  • Nonostante la potenza promessa, il suono al pickup rimane sempre un po’ cupo: si tratta di un sound ideale per accordi blues e jazz, ma meno ricercato da chi vuole perdersi in riff scatenati.

Epiphone ENS-PECH1 Les Paul Standard Chitarra Elettrica, Blu Pelham

Questa chitarra di casa Epiphone, dotata di due pickup single coil, corpo in pioppo sottile e design LP è forse tra i modelli che più hanno sorpreso negli ultimi anni il mercato delle chitarre di fascia media, grazie ad una eccellente fattura e alle vere e proprie sorprese che si annidano dietro questo strumento.

Lanciata ufficialmente nel 2017, la Epiphone Les Paul Standard ha da subito rivoluzionato il comparto delle chitarre “di lusso”, rappresentando lo strumento meno costoso mai prodotto dal notissimo marchio Les Paul.

Ma le sorprese non si limitano unicamente al prezzo: infatti,la Epiphone ENS-PECH1 è uno strumento dal tono deciso e al contempo versatile, grazie anche alla presenza del doppio pickup e di un output personale potente e nitidissimo.

Il corpo dello strumento è realizzato in pioppo, materiale che consente di contenere i costi senza per questo fare a meno di caratteristiche quali estrema risonanza e resistenza.

Meno entusiasmante il manico in mogano, che è però avvitato e non unito direttamente al body: questo elemento incide molto nel contenere il costo complessivo dello strumento, ma viene fortunatamente compensato dalla circostanza che l’assemblaggio produce un timbro più aperto rispetto al tradizionale sound Les Paul.

Fortunatamente, la forma del manico è sufficientemente sottile da garantire suonabilità anche da parte dei musicisti più giovani, oltre che a favorire espressioni e assoli avanzati da parte dei chitarristi più navigati.

Pro:Pro:

  • Tutta la qualità Les Paul in uno strumento decisamente economico: note definite, bending scorrevole, perfetta adattabilità e suono caratteristico.

Contro:

  • Il manico della chitarra è semplicemente avvitato, sebbene questa caratteristica possa essere gradita da chi apprezza il maggior attacco di sonorità garantito.

Gretsch G5220 Electromatic jet BT single-cut con V Stoptail

L’ultimo strumento che esaminiamo è una Gretsch di fascia media, che fa parte della classe Electromatic Jet: questo tipo di chitarre offre un suono molto pulito e nitido, tipico della casa produttrice.

Il corpo si segnala per la presenza di materiali di ottima qualità, con top in acero ad arco, corpo in tiglio bombato e manico incastonato sempre in acero.

Nonostante il prezzo pari ad altri modelli finora considerati, siamo di fronte ad uno strumento dalla qualità enormemente sottovalutata, anche a causa della minor risonanza mediatica della marca produttrice.

Tra le altre caratteristiche da segnalare c’è la presenza, nelle meccaniche, di un ponte Adjustomatic, ancorato direttamente al corpo e uno stop tailpiece per corde.

Il pickup, a differenza degli altri modelli sinora visti, è un dual-coil, che assicura una maggiore profondità dei suoni, a scapito, tuttavia, della loro nitidezza. In definitiva, una valida alternativa a modelli più blasonati per chi è in cerca di uno strumento dalle sonorità non ortodosse.

Pro:Pro:

  • Questa chitarra si segnala per l’eccellente manifattura e la buona qualità delle meccaniche e delle componenti.

Contro:

  • Produce un suono forte, ricco di sfumature, grazie al pickup dual-coil; allo stesso tempo, però, il sound è atipico, dunque si tratta di uno strumento consigliato come riserva o per chi intende sperimentare nuove features di suonabilità.