Il mondo della musica conta molti appassionati; Grado LABS GS1000E è un prodotto che non lascia indifferenti, è uno di quegli accessori che ogni professionista conosce bene e segna il confine fra ciò che è musica e quello che è rumore.

In molti, che non è giusto definire superficiali, ma semplicemente scettici, non credono che investire in un paio di cuffie di un certo livello, possa essere importante per l’ascolto; tuttavia, è proprio così. L’udito è talmente sensibile da percepire molto di più di quanto possa emettere un sintetizzatore elettronico, talmente sensibile da rimanere infastidito da ogni suono superfluo e deliziato da ogni nota vicina alla perfezione.

Il mondo della musica è il mondo di Grado, l’azienda Newyorkese specializzata in cuffie di altissima qualità.

Grado - GS1000e Cuffie

Il design delle cuffie Grado LABS GS1000E

Non si può certo dire che le cuffie Grado siano le solite che siamo abituati a vedere in vetrina o nei supermercati; l’azienda propone dei modelli completamente artigianali e curati nei minimi dettagli.

Le cuffie di Grado presentano in quasi tutti i modelli degli auricolari costruiti principalmente in mogano; questo legno, oltre a ad essere elegante e pregiato, conferisce ad esse un aspetto allo stesso tempo robusto, funzionale e di gran classe.

I piccoli e prestazionali altoparlanti lavorano all’interno dei supporti in mogano, che conferiscono al suono un calore eccezionale ed un’immagine di altissimo livello.

Le cuffie sono costituite da un’ampia fascia in pelle morbida e confortevole che unisce i due auricolari, dal colore marrone ambrato, tipico proprio del mogano.

Nel complesso, questo bellissimo componente, denota un’estetica retro, ma rende palese una tecnologia sublime: la costruzione in stile anni ’70, lascia intuire ai più oculati di celare uno dei suoni più belli che si possa ascoltare, potente e caldo, dettagliato e mai fastidioso.

Anteprima Prodotto Voto Prezzo
Grado - GS1000e Cuffie Grado - GS1000e Cuffie 1.360,00 EUR

Caratteristiche

Cuffie Grado LABS GS1000E

Queste cuffie Grado utilizzano due trasduttori dinamici da 50 mm collegati tramite un cavo a 12 filamenti, progettato per dare all’ascoltatore delle emozioni uniche.

Queste caratteristiche consentono al messaggio musicale di arrivare senza alcuna dispersione all’orecchio, e di produrre dei bassi eccezionali e di qualità, perfettamente smorzati dalla cassa in mogano degli auricolari. 

La dinamica che ne consegue è qualcosa di unico che merita senza dubbio di essere ascoltato; non a caso, la risposta in frequenza del componente parte dagli 8 Hz ed arriva ai 35 Khz.

Anche se lo spettro acustico che percepisce l’orecchio umano è compreso fra i 20Hz ed 20 Khz, tutte le volte che ci si imbatte in un prodotto in grado di superare abbondantemente questi limiti, si percepisce un immagine sonora di livello nettamente migliore. Questo la dice lunga sulla reale sensibilità dell’orecchio umano, che riesce ad andare oltre i dettagli fisico-matematici attualmente conosciuti.

Non meno importante per i risultati acustici è il particolare ‘cuscino’ che gli auricolari riescono a formare sull’orecchio dell’ascoltatore; ha proprietà eccezionali e conferisce al messaggio musicale una stereofonia ed una spazialità difficile da riscontrare in qualsiasi altro ambiente.

Il modello in questione appartiene alla serie ‘Statement’ della Grado, che fra le altre cose, non è la migliore secondo i canoni qualitativi dell’azienda, che annovera una serie superiore denominata ‘professional’; le altre due serie sono, in ordine discendente, la ‘Reference’ e la ‘Prestige’. 

Un altro dato tecnico interessante è la sensibilità, che per queste cuffie è dichiarata dalla casa pari a 99.8 db misurati su un 1 mW; la maggior parte dei prodotti commerciali dichiara un valore pari a 105 db, mentre le cuffie della Grado provate e misurate in laboratorio superano di poco i 91 db.

La sensibilità non è un indice di qualità ma una vera e propria caratteristica, che misura la capacità degli altoparlanti di reagire all’impulso elettrico dato dal segnale; più il valore è alto, più il volume musicale risulterà maggiore a parità di potenza applicata. 

La domanda lecita è il perché la Grado abbia optato per una sensibilità più bassa; la risposta è correlata alla capacità dei magneti di assorbire potenza e di restituirla con la massima fedeltà.

Una bassa sensibilità permette in tal senso la restituzione di un messaggio musicale dalla grande riserva dinamica, esprimendo la concreta possibilità di poter alzare il volume a dismisura senza avvertire alcun limite meccanico, né tanto meno distorsione. Applicare una grande potenza ad altoparlanti molto sensibili equivale portare questi ultimi al limite fisico e meccanico del componente, con il rischio della rottura delle membrane.

Inoltre, più la sensibilità è alta, più risulta compromessa la nitidezza del segnale; un valore alto è comodo per gli impianti con poca potenza dai quali c’è l’effettivo bisogno di ricavare watts.

La qualità del suono migliora più che altro all’aumento dell’impedenza, che è in genere di 4 ohm nel car hi-fi e di 8 ohm negli impianti ‘home’; in alcuni casi si arriva a 16 ohm. Questo modello di cuffie stereo lavora con un impedenza di ben 32 ohm, biglietto da visita esemplare in materia.

Qualità del suono

Come anticipato, parliamo di standard qualitativi di alto livello; il suono prodotto da queste cuffie è straordinario per corposità e spazialità, diventando estremamente coinvolgente e ricordando la calda riproduzione del vinile, apprezzata ancora da tanti audiofili e professionisti.

Cuffie GS1000E

Si perde quindi, quella riproduzione precisissima ma un po’ metallica tipica delle nuove sorgenti digitali; ma questo non è un difetto, è piuttosto l’esaltazione di uno status quo, di una riproduzione in grado di emozionare, grazie anche ad una dinamica stratosferica e ad un’estensione in frequenza incredibile.

La timbrica è ottima, ma è l’unico punto dove si può muovere una critica, che matura da alcuni professionisti del settore, che la ritengono ‘truccata’ e falsamente estesa verso frequenze che gli strumenti non sono soliti riprodurre; le cuffie della Grado si sbilanciano forse un poco di più a favore dell’emotività, rivolgendosi più all’audiofilo che al professionista del suono.

Anteprima Prodotto Voto Prezzo
Grado - GS1000e Cuffie Grado - GS1000e Cuffie 1.360,00 EUR

Pro e contro

Riassumendo, la Grado è senza dubbio un’azienda che rivolge i suoi prodotti a coloro che fanno della musica un’autentica ragione di vita, e non caso i prezzi sono consoni a dispositivi di assoluto riferimento. A tal proposito, è chiaro che i pochi ‘contro’ che possono essere elencati, si riferiscono ad un livello decisamente alto; per farla breve, non è veritiero fare un confronto fra queste cuffie e altre più commerciali.

  • Suono caldo ed esteso in frequenza
  • Costruzione impeccabile
  • Utilizzo di materiali pregiati (come il mogano)
  • Utilizzo di un cavo a 12 filamenti dimensionato per l’ingresso di alte potenze
  • Estetica eccezionale.
  • Timbrica ottima ma esaltata in frequenza
  • Prezzo non popolare.
Grado - GS1000e Cuffie

Considerazioni finali

In quanti nei nostri giorni pensano di ascoltare della buona musica, in quanti credono di aver raggiunto il massimo della definizione sonora? Provando per la prima volta un paio di cuffie come le Grado labs GS1000E, ci si rende conto di essersi persi qualcosa, di non aver ascoltato niente, di aver valutato male delle canzoni senza comprenderne il messaggio, di poter apprezzare generi musicali che mai si sarebbe pensato di ascoltare per più di trenta secondi.

Se il prezzo può sembrare assurdo, dopo l’ascolto diventa adeguato all’acquisto, per diventare quindi conveniente quando si riascolta la musica senza indossarle.

Per chi fosse interessato a delle alternative consigliamo le Grado LABS PS1000E oppure le Cuffie Sony mdr-z1r.