Cosa Si Intende Per Bilanciamento Del Bianco In Fotografia

cosa si intende per bilanciamento del bianco in fotografia?

Questo Articolo Potrebbe contenere link di Affiliazione dei link di affiliazione Amazon, cliccando sui link e successivamente effettuando un acquisto mi permetterete di guadagnare una piccola commissione, nessun aumento di prezzo ovviamente. Maggiori dettagli qui : 

Quando si parla di bilanciamento del bianco in fotografia pare si vada ad esplorare un territorio incontaminato in grado di creare non pochi problemi.

Parzialmente è vero, nel senso che se non scegli la giusta impostazione di questo parametro, rischierai poi di buttar via la maggior parte delle fotografie che scatterai.

Avere un bilanciamento del bianco corretto, significa non solo possedere padronanza della fotocamera, ma vuol dire soprattutto scattare fotografie con la giusta colorazione.

Sostanzialmente, bilanciando il bianco si impone alla macchina fotografica la conoscenza di cosa è bianco e cosa no, facendo in modo che i colori dell’immagine siano come quelli visibili dall’occhio umano nella realtà.

Spesso l’operazione viene eseguita automaticamente, ma vi sono casi in cui è necessario regolare manualmente il parametro.

Cos’è e Come si Fa il Bilanciamento del Bianco: Questione di Luce

La luce spesso influenza la percezione dei colori, soprattutto se si tratta di luci artificiali, le quali possono avere una temperatura (in gradi kelvin) da 1.000 a 10.000 gradi che comporta un effetto più caldo o più freddo, influenzando i colori.

Il sensore della fotocamera viene ingannato da questa luminosità e se il tuo occhio riesce sempre a distinguere il bianco indipendentemente dalle situazioni, la macchina fotografica a volte si fa influenzare dalla gradazione e dal colore della luce.

Quello che tu vedi bianco nella realtà, potrebbe essere interpretato rosa dalla fotocamera, oppure giallo, oppure azzurro, dando un’immagine diversa e falsata da quella che è invece la situazione reale.

I Diversi Bilanciamenti del Bianco

Come bilanciare il bianco? Come fare il bilanciamento del bianco in fotografia?

Esistono diversi metodi, ma sarebbe meglio dire diverse impostazioni, per fare il bilanciamento del bianco.

  • Auto: il bilanciamento automatico è spesso la soluzione migliore, specialmente se scatti all’aperto. In questo caso la fotocamera rileva la luce e tale operazione risulta spesso molto affidabile. La modalità automatica è sconsigliata in riprese all’interno e in presenza di luci colorate.
  • Incandescenza o Tungsteno: le lampade a incandescenza o a filamento in tungsteno, tendono a generare una luce calda, caricando le immagini di tonalità rossastre o giallognole. Selezionando tale settaggio si ottiene una riduzione di tale effetto, smorzando leggermente i colori e rendendoli più freddi, riportandoli il più possibile al naturale.
  • Fluorescenza: siamo nella situazione opposta alla precedente. In presenza di luci simili al neon è necessario alzare la temperatura della luce e questa impostazione lo fa autonomamente.
  • Sole: la luce solare è quella più naturale possibile. Se scatti all’aperto con il sole, otterrai immagini perfette con tale settaggio.
  • Nuvole: in presenza di nuvole i colori assumono una tonalità più grigia. La fotocamera tenderà a ravvivare la luce, mantenendo la cromia simile a quella reale.
  • Flash: alcune macchine fotografiche prevedono anche l’impostazione flash, utile quando scatterai con la luce abbagliante della fotocamera.

Come Fare il Bilanciamento del Bianco Manuale

fotografare paesaggi

La misurazione manuale si utilizza quando le impostazioni precedenti non danno risultati in grado di soddisfare le tue aspettative nonostante le impostazioni della fotocamera.

In luoghi chiusi quando ci sono fonti luminose contrastanti è importante avere il perfetto controllo del bianco e la regolazione manuale viene in tuo soccorso.

Non tutte le fotocamere consentono tale pratica, ma nella maggior parte dei casi è comunque disponibile.

Selezionando tale impostazione dal menù della macchina, verrà richiesto uno scatto per capire la temperatura di colore presente.

Quindi è necessario inquadrare interamente un oggetto bianco oppure grigio chiarissimo (ad esempio un foglio bianco o un cartoncino) e premere il bottone di scatto.

In questo modo la fotocamera memorizza che quel colore inquadrato e ripreso in quella situazione di luce è bianco e manterrà tale selezione fintanto che non verrà cambiata l’impostazione attraverso la selezione di altri profili di bilanciamento.

Il bilanciamento manuale del bianco avviene in modo piuttosto semplice, ma bisogna poi ricordarsi dell’impostazione data.

Questo perché quando andrai a riaccendere la fotocamera (magari a distanza di qualche giorno) se prima di scattare non verifichi il bilanciamento del bianco, la fotocamera penserà che stai catturando immagini ancora nelle stesse situazioni dell’ultima volta, mentre invece lo scenario è cambiato (magari sei all’aperto a fotografare un paesaggio in una bella giornata di sole ma le impostazioni del bianco sono rimaste quelle del locale chiuso con le luci colorate).


Alcuni Consigli Utili sul Bilanciamento del Bianco


Verifica Prima di ogni Scatto:

Per padroneggiare meglio il bilanciamento del bianco è importante valutare ogni volta la situazione contingente, verificando l’impostazione della fotocamera prima di compiere qualsiasi scatto.

Questo è consigliabile per non ottenere fotografie che virino a tonalità azzurrine, verdine, gialline o rossicce.

Se invece si è in situazione di bilanciamento automatico del bianco il problema non si pone perché la fotocamera asseconda con buona elasticità le diverse condizioni di luce.

Attenzione ai Colori:

Tecnicamente si definisce il bilanciamento del bianco come il modo più corretto per eliminare le dominanti di colore.

Facendo riferimento alla gradazione Kelvin della temperatura della luce e quindi del colore, non devi farti ingannare.

Più la temperatura Kelvin sale, più i colori saranno freddi, mentre più scendono e più la foto tenderà ad avere tonalità calde.

Ritratti e Interni:

Presta attenzione al bilanciamento del bianco soprattutto nella fotografia di interni e in quella ritrattistica, dove, sbagliando, otterrai quasi certamente visi tendenti al violaceo o all’azzurrato, perdendo il classico colore della pelle umana.

L’errore del bilanciamento del bianco, in questo genere fotografico, lo si nota più che in altri.

Pensa al Presente:

Quando scatti pensa a quello che otterrai subito.

Non pensare di avere troppi margini di errore perché poi andrai a modificare la foto con il fotoritocco, in quanto il bilanciamento del bianco è probabilmente una delle cose più complicate da correggere ed adeguare in post produzione.

Spesso, nella modifica, si percepisce una certa artificialità nell’immagine, la quale risulterà meno naturale.

Torna su