Gli appassionati di musica o quelli che vogliono godersi un film vivendo le stesse emozioni del cinema si pongono spesso il problema di come posizionare le casse acustiche: infatti, scegliere una sistemazione che sia adatta all’ambiente e al tipo di impianto è fondamentale per poter apprezzare veramente la qualità del suono. Ecco una guida al posizionamento dei diffusori che risolverà molti dubbi in proposito: che si tratti di posizionare gli altoparlanti o le casse di un Home Theatre 5.1, ci sono molti accorgimenti su come posizionare i diffusori acustici stereo in casa e ottenere la massima resa in termini di qualità dal proprio impianto.

In che modo posizionare le casse acustiche?

come posizionare i diffusori

Ci sono molte variabili da tenere in considerazione prima di arrivare al risultato perfetto: la grandezza dell’ambiente, la distanza dalla fonte in cui ci si mette all’ascolto, la potenza e la qualità dell’impianto. Ovviamente, puntando su impianti ad alto costo ed avendo a disposizione un locale adeguato si potranno avere i risultati migliori. 

Tuttavia, anche la distanza migliore in cui posizionare i diffusori acustici stereo in casa può dipendere dal tipo di musica che si ascolta o dalla qualità del suono che si vuole ottenere dai media riprodotti. Per fare un esempio, se si ascolta musica d’orchestra è molto meglio porre le casse ad una certa distanza tra loro e avvicinarsi al punto di ascolto, così da poter valorizzare tutti gli strumenti proposti. Viceversa, per brani minimali (come può essere musica classica da camera, oppure canzoni folk o riproduzioni unplugged) i diffusori vanno avvicinati il più possibile per ridurre l’effetto stereofonico e apprezzare al meglio lo strumento o la voce solisti. 

Se questo vale per i veri appassionati di musica, chi cerca delle indicazioni di massima (che valgono nella maggioranza dei casi) su come posizionare le casse acustiche del proprio impianto stereo, video, hi-fi oppure Home-Theater può proseguire nella lettura: nei prossimi paragrafi dedicheremo spazio a ciascun tipo di impianto, individuando i parametri migliori per configurare al meglio il posizionamento dei diffusori. 

Guida posizionamento diffusori Pc o stereo

posizionare casse acustiche

Per chi vuole posizionare le casse acustiche del Pc o dello stereo è importante tenere in considerazione che la sistemazione corretta dell’impianto, specialmente per le riproduzioni a bassa frequenza, è fondamentale per avere la massima resa. Chiaramente, per casse di piccole dimensioni o portatili, come sono la maggioranza di quelle che si usano per lo stereo di casa o per il Pc, è sempre possibile correggere il tiro in corso d’opera, magari facendo le opportune prove per ridurre al minimo i problemi di ascolto.

Per quanto riguarda l’orientamento delle casse, ipotizzando di avere un sistema a due canali, ideale per la riproduzione stereo, o multi-canale, è molto importante orientare le casse secondo il lato lungo della stanza: questo perché le pareti tendono a diminuire le frequenze disponibili, realizzando un peggioramento del suono man mano che ci si avvicina al muro. Quindi, se si immagina una stanza rettangolare, le casse andrebbero orientate l’una a destra e l’altra a sinistra in corrispondenza dei lati più lunghi delle pareti, con angolo interno, cioè rivolto verso l’ascoltatore. 

Per individuare il punto perfetto si suole far riferimento alla “regola del 38%“: secondo questo assunto, il punto di ascolto migliore si trova posizionando i diffusori ad una distanza corrispondente a circa il 38% della lunghezza effettiva della stanza, misurata rispetto al muro che si ha di fronte. Seguendo questa regola è dimostrata, almeno in teoria, la migliore riduzione dei picchi e delle cancellazioni di frequenza.

Se però questa sistemazione non dovesse essere possibile, perché comporterebbe una posizione scomoda o un’eccessiva vicinanza allo schermo del PC (o, al contrario, un’eccessiva lontananza dal divano o dalla sedia in cui ci si rilassa ascoltando musica), la regola del 38% può essere piegata calcolando questa distanza non a partire dal muro dietro l’impianto, ma da quello alle spalle dell’ascoltatore: si ottiene in questo modo un risultato comunque accettabile. Va da sé che queste indicazioni rappresentano spunti di massima, sebbene supportati da evidenze scientifiche: ad incidere sono la forma della stanza, le caratteristiche delle pareti, il tipo di casse utilizzate, la presenza di mobili e molti altri fattori. 

Come posizionare gli altoparlanti Hi-Fi?

Qui il discorso è leggermente diverso: i diffusori acustici degli impianti ad alta fedeltà, per poter raggiungere l’obiettivo di avvolgere totalmente l’ascoltatore, devono essere posizionati secondo la nota “regola del triangolo”. 

Il primo passo è quello di valutare le caratteristiche dell’ambiente d’ascolto ed, eventualmente, apportare se possibile le modifiche opportune. Chiaramente non andrebbero preferite stanze troppo piccole, perché i potentissimi bassi di un impianto Hi-Fi non avrebbero lo spazio necessario a liberarsi, ma anche perché non si avrebbe la possibilità di studiare un posizionamento migliore. Anche le stanze troppo vuote o con angoli troppo netti incorrono negli stessi difetti. L’ambiente ideale in cui posizionare un sistema di altoparlanti Hi-Fi prevede tende lungo alcune pareti, tappeti sul pavimento per assorbire i bassi e mobili di una certa dimensione posti nel lato opposto a quello dell’impianto (mai tra i diffusori e il punto d’ascolto).

Il secondo passo è quello di scegliere il luogo in cui posizionare le casse dei diffusori Hi-Fi rispetto al punto di ascolto: in questo caso torna in gioco la famosa regola del triangolo. Il punto migliore è quello di congiunzione tra gli assi ideali che si potrebbero tracciare a partire dalle casse principali dell’impianto, posizionato ad una distanza dalle casse almeno pari alla lontananza reciproca tra gli altoparlanti. Anche in questo caso occorre provare diverse configurazioni prima di arrivare al risultato perfetto, anche perché le caratteristiche dell’ambiente incidono, come già detto. Nell’ipotesi in cui la qualità dell’ascolto non dovesse comunque risultare accettabile si può ricorrere al trucco di applicare punte coniche ai diffusori, tecnica che permette di convogliare meglio il suono e di “isolare” le casse dal pavimento, così da lasciar passare il suono (e, in particolare, i bassi) con minore disturbo.

Altre indicazioni generali riguardano, nello specifico, le casse che vengono posizionate a terra: dato che, in questo caso, c’è maggior rischio di dispersione del suono sul pavimento, è importante posizionare i diffusori ad almeno un metro dalla parete alle spalle dell’impianto, e con una distanza reciproca di almeno due-tre metri.

Come posizionare le casse di un Home Theatre 5.1?

In questo caso ci sono delle indicazioni ulteriori da seguire. Come nel caso dell’impianto Hi-Fi è sicuramente importante capire come posizionare le casse acustiche in modo da ottenere la massima resa dell’impianto. Se è vero che la qualità dei diffusori è sicuramente il principale motivo della loro efficacia, è altrettanto corretto affermare che un buon effetto surround richiede un posizionamento perfetto delle varie casse audio (di solito 5, di cui tre da sistemare frontalmente e due ai lati o alle spalle del punto d’ascolto, oltre alla cassa principale).

La cassa centrale dovrebbe essere sempre posizionata sotto il televisore o, comunque, in posizione speculare al punto d’ascolto. Viceversa tre dei cinque satelliti devono essere sistemate a destra e a sinistra dello schermo, rivolte verso l’ascoltatore, ad una distanza non eccessiva dal televisore, per evitare il fastidio di percepire sfasamento tra audio e video. Per quanto riguarda le casse posteriori, queste devono essere posizionate in modo strategico, dal momento che sono proprio queste ultime a donare la sensazione immersiva tipica dell’Home Theatre: per questo motivo devono essere posizionate in modo da essere lievemente dietro la posizione di ascolto, ai rispettivi lati, ad angoli opposti e sufficientemente distanti così da percepire la differente provenienza dell’uno o dell’altro suono.

Gli impianti Home Theatre 5.1 sono dotati anche di un’altra cassa, detta subwoofer, dedicata alla trasmissione delle basse frequenze. Anche questo diffusore deve essere posizionato frontalmente, ma andrebbe preferito un punto vicino alla parete della stanza, così da avere una resa del suono uniforme in tutto l’ambiente. Questo vale in linea di massima, perché, come visto per le casse dell’impianto Hi-Fi, si potrebbe incorrere nel rischio di disperdere il suono: in questo caso, è meglio tenere il subwoofer a distanza dalla parete, per avere, comunque, una resa più che ottima.